glicine.jpg

Taranto

dal 6 al 9 dicembre 2018

“Nessuno libera nessuno, nessuno si libera da solo: gli uomini si liberano nella comunione”

P. Freire, 1979

Si parla tanto in ambito scolastico di costruire relazioni costanti basate sul confronto e la collaborazione attiva fra la scuola e la famiglia durante l’intero percorso educativo; accogliere proposte dalle diverse agenzie educative e sociali presenti sul territorio, per costituire una forte rete di interazione e supporto alle comuni finalità di formazione degli alunni; condividere la scelta delle regole della convivenza nella comunità, attraverso la conoscenza ed il confronto delle molteplici esperienze culturali, educando ad una cittadinanza unitaria e plurale.....

Per dirla con Ezio del Gottardo (“Comunità educante, apprendimento esperienziale, comunità competente”) La scuola in quanto “comunità educa in quanto è uno spazio di socializzazione, educa perché abilità all’esercizio di alcuni valori, educa, perché vigila sul compito educativo ed educa perché in molti casi assume direttamente responsabilità ed iniziative educative. A sua volta la comunità si nutre di interrelazioni, di scambi, di reciprocità, che si compiono che si compiono nella dimensione intersoggettiva-comunitaria propriamente definita sociale ed evidentemente educativa.”

Scuola e famiglia sono le principali agenzie educative, ma tra insegnanti e genitori ci sono fratture, gelosie, giudizi, ripicche. Soprattutto gli insegnanti, in quanto categoria professionale, in che modo possono attrezzarsi per costruire un'idea dell'altro che non sia di "difesa da" ma di "lavoro con"? Uno stage in cui si sperimenteranno sul campo situazioni in cui la comunicazione all’interno del contesto scuola e con il mondo ad essa collegato (interno ed esterno) va costruito con cura ed attenzione, al fine di tessere una trama/rete che racchiuda in sé insegnanti, bidelli, dirigenti, segretari, genitori, istituzioni in un dialogo efficace che costruisca davvero una comunità educante.

Quali sono le difficoltà e le criticità ricorrenti in questo tipo di relazioni? Perché ci si scontra e come si può trasformare il conflitto in un’occasione di crescita e arricchimento reciproco?

 

editoriale

Educazione Invisibile

Articolo redatto per il Convegno: Visioni di futuro, visioni di teatro
28 febbraio 2015 – Bologna – Teatro Testoni Ragazzi

Il titolo di questo intervento (era previsto Vedere e non vedere ed è diventato Educazione invisibile) è variato nel corso di un incontro con un bambino. Lui stava facendo qualcosa ed io lo stavo guardando. Ad un certo punto mi ha detto: “Guardami. Dimmi cosa vedi”. Io pensavo di dirgli che vedevo lui, i suoi pennarelli, il...

Continua a leggere
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8

chiantiLudens

Giochi antici e moderni per bambini, ragazzi e adulti

     

Questo sito, sviluppato da Umberto Cattabrini, raccogliere materiali relativi alla storia della scuola: autobiografie di insegnanti, illustrazioni, quadri, informazioni, fotografie d’epoca, pagelle, banchi e lavagne, ed altri elementi di materiale scolastico, dall’unità d’Italia ad oggi.

STAGE e CORSI FEDERATIVI

Fiaba e piccoli teatri

Milano dal 15 al 18 febbraio 2018 La situazione educativa del teatro si ritrova non nell'assistere a una recitazione, ma...

La lingua come contesto educativo

Rieti dal 26 al 29 aprile 2018

Essere nei centri estivi: educare all' aria aperta

Padova dal 17 al 20 maggio 2018

Attivita` manuali per la prima infanzia

Firenze dal 16 al 20 Luglio 2018
  • 1
  • 2